Otranto: come definirla se non una perla dell’Adriatico? Questa cittadina, se ne accorge facilmente chiunque la visiti per la prima volta, sembra quasi essere pervasa da un’atmosfera rarefatta, unica e speciale.

Qui secoli di storia, bellezze paesaggistiche capaci di lasciare letteralmente senza fiato nonché piccole e grandi opere d’arte disseminate per il locale centro storico, danno un volto alla zona fondendosi alla perfezione con tutti gli agi della modernità e con un’economia a chiarissima vocazione turistica.

Otranto insomma è una piccola città in provincia di Lecce che, forse un po’ a sorpresa, si è negli anni rivelata una meta imperdibile per chiunque intenda organizzare la sue vacanze in Puglia.

Le spiagge e la storia

Cosa potrete fare una volta arrivati ad Otranto? Beh, il sole cocente che bacia la riviera adriatica per buona parte dell’anno vi darà modo di rimediare una tintarella da urlo rosolandovi a puntino su una delle due piccole spiagge cittadine o, appena qualche chilometro più in là, su alcune delle battigie più belle di tutta la costa italiana.

Non vi resta che scegliere insomma tra la sabbia bianca finissima che caratterizza molte di queste riviere (in questo caso il consiglio è optare per la Baia dei Turchi ed i lidi della zona di Alimini), i terreni misti in cui la rena si alterna alle scogliere (ed allora potrete optare per Porto Badisco, Torre di Sant’Andrea oppure ancora per la bella Torre dell’Orso) ed una scenografia particolarmente suggestiva; in questo caso è d’obbligo recarsi al Faro di Punta Palascia.

E’ questo il territorio più ad oriente di tutta la nazione, punto da cui si vedono benissimo le montagne e persino le coste balcaniche e dove, come da prassi tra gli abitanti del luogo, ogni capodanno ci si raduna per ammirare estasiati il sorgere del sole del primo giorno dell’anno (mai sentito parlare della cosiddetta Alba dei popoli? Questa occasione viene festeggiata annualmente con un programma ricco di appuntamenti ed avvenimenti). Al faro tra l’altro è possibile ammirare anche un suggestivo museo del mare.

Ed a proposito di storia e di bellezze architettoniche: non lasciatevi scappare l’opportunità di visitare anche il Castello Cinquecentesco con tanto di fossato e, se sarete fortunati, di eventi a tema organizzati per animare questo ormai collaudato percorso turistico. Degna di nota è anche la locale Cattedrale.

La vita diurna e la movida

Otranto, al pari di molte altre città del sud, offre la possibilità a chiunque la abiti o abbia deciso di soggiornare da queste parti per un periodo di tempo limitato, di essere vissuta intensamente sia durante il giorno che durante la notte. Tutto ciò è possibile sia permanendo nella zona del centro storico sia avventurandosi nella più moderna “città nuova“.

La popolazione locale ed i visitatori potranno godere infatti tanto nell’uno quanto nell’altro caso di tutti gli agi che una località turistica è in grado di offrire: piccole e grandi opere d’arte visitabili (ovviamente in orari stabiliti a monte e perdipiù diurni), centri commerciali, ristoranti, chioschetti, botteghe ed attività ambulanti specializzate nella vendita di ottimo street food, lounge bar, gelaterie, negozi di souvenir, botteghe artigianali aperte persino di notte e chi più ne ha più ne metta.

Otranto in poche parole è una sorta di piccolo grande cuore pulsante che vive tanto di giorno quanto la sera alla stessa intensità e chiunque metta qui piede non tarderà a sentirsi quasi del tutto immerso in una costante atmosfera festaiola. Insomma: una vacanza ad Otranto potrà rivelarsi un’esperienza piacevolmente positiva.

Visita guidata ad Otranto

Vi propongo dei percorsi a piedi con guide turistiche del posto che vi faranno conoscere l’affascinante storia della città mentre visiterete i suoi siti principali. Consigliato sopratutto se siete in gruppo per dividervi le spese, è sicuramente un modo per apprezzare al meglio l’importanza storica di Otranto.

Come arrivare ad Otranto

Non sai come raggiungere questa ridente cittadina? Non preoccupatevi: Otranto è raggiungibile facilmente con i vari mezzi di trasporto.

Auto e moto

Se pensate di poter raggiungere la bellissima Otranto con la moto o a bordo della vostra vettura vi basterà imboccare l’autostrada A 16 sino all’altezza di Bari Nord.

A questo punto, proseguendo per lo svincolo appena indicato, verrete immessi nella superstrada che collega il capoluogo pugliese alle città di Brindisi e di Lecce.

Appena prima di Lecce deviate in direzione della tangenziale est dove troverete le indicazioni per raggiungere Maglie, Santa Maria di Leuca ed infine Otranto.

Mezzi pubblici

Ancora più semplice, ovviamente, è raggiungere la città di vostro interesse avvalendovi di mezzi pubblici. Nello specifico potrete scegliere di spostarvi tramite bus, aereo o treno.

Autobus

Nel primo caso sappiate che esistono svariate autolinee dirette alla vostra meta ed attive durante l’intero corso dell’anno. In estate però si aggiunge a queste anche il Salento Bus, un servizio dedicato ai turisti che vogliano visitare le perle della penisola salentina.

Treno

Per quanto riguarda il treno invece dovrete combinare i servizi di Ferrovie dello Stato a quelli offerti da Ferrovie del Sud Est. La prima tratta vi consentirà di giungere sino a Lecce, da qui un nuovo vagone turistico vi condurrà ad Otranto.

Aereo

Dovrete scegliere un volo che vi conduca allo scalo di Brindisi-Casale per poi scegliere se noleggiare un’auto, prendere un taxi, avvalervi degli autobus regionali oppure del treno.

Dove alloggiare ad Otranto

Cerchi un posto dove alloggiare? Nella mappa di seguito, l’icona gialla indica la posizione di Otranto. I prezzi in euro mostrati in questa mappa indicano la posizione delle strutture alberghiere più vicine. Puoi usare lo zoom + per ingrandire la mappa e visualizzarne altre.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi