Porto Badisco

porto badisco 1

La Baia di Porto Badisco

Probabilmente, il fiordo in cui sorge Porto Badisco è stato in epoche remote generato da un fiume che nel tempo è poi diventato sotterraneo. Questo antico porto è oggi occupato solo da alcune abitazioni di pescatori ed è rinomato per essere stato secondo la leggenda il punto di approdo di Enea nella penisola italiana. Sono evidenti molti fenomeni carsici data la presenza di diverse grotte marine con ampi incavi, visibili raggiungendoli via mare e dove sono scolpiti fantastici scenari di piccole stalattiti sospese a mezz’aria. Proprio da una di queste, negli Anni Settanta venne scoperto il complesso di gallerie e anfratti sotterranei oggi noto come Grotta dei Cervi a causa di alcuni graffiti ritrovati al suo interno. Il complesso non è però visitabile dai turisti per motivi di preservazione ed è un vero peccato non poterla ammirare: al suo interno, infatti, ci si addentra per oltre un chilometro a venti metri di profondità e le pareti sono ricoperte di centinaia di pitture preistoriche eseguite con guano nero di pipistrello ed ocra rossa: vi sono scene di caccia, di vita quotidiana ed altre magiche e simboliche risalenti agli uomini del Neolitico di 6000-4000 anni fa quando la grotta era considerata un luogo di culto. Si tratta del più grande lascito di pitture neolitiche di tutt’Europa. Gli antichi graffiti rappresentano probabilmente storie, miti e divinità del tempo, come un grande libro illustrato da sfogliare su pietra e testimoniano come la grotta fosse un luogo sacro riservato a riti, conoscenze religiose e magiche di un popolo da tramandare ai posteri . Nella stessa grotta sono stati rinvenuti alcuni manufatti preistorici del Paleolitico Superiore, fatti di osso e selce.

Questo l’aspetto storico, ma Porto Badisco è anche un bellissimo luogo per la balneazione turistica. Dotato di una piccola spiaggia nella parte più interna del fiordo, per il resto si sviluppa in ampie scogliere. Nella stagione estiva è preso d’assalto sia da chi apprezza la spiaggia (ma in quel caso recatevi di buon’ora o nel tardo pomeriggio) sia da chi predilige il mare sugli scogli ed i tuffi. Enea, che secondo la leggenda raggiunse l’Italia attraccando proprio a Porto Badisco, deve senz’altro essersi subito innamorato della Penisola grazie alla meravigliosa vista che certamente ne ebbe.

porto badisco 2

Estate a Porto Badisco

Barche e barchette si disseminano lungo il fiordo dalle bellissime acque trasparenti e si possono facilmente ammirare i ricchi fondali. Proprio i fondali di stampo tropicale invitano molti turisti ad effettuare battute di snorkeling e lunghe immersioni da cui non si ha quasi più voglia di tornare in superficie! L’area è particolarmente privilegiata anche per la pesca, altro motivo per cui alcuni appassionati scelgono questo Porto per la propria vacanza.

Dal 2006 l’area di Porto Badisco è parte del Parco della Costa di Otranto-Santa Maria di Leuca, di valore regionale. Nell’aria, potremo sentire non solo i profumi del mare, ma anche quelli della terra, di tante piante che crescono in modo selvatico nella zona tra cui ricordiamo mirto, finocchio, salvia, timo e anche oleandri, querce ed ulivi.

porto badisco 3

I fondali di Porto Badisco

immagine 1: flickr by larrylurex  licenza CC BY-SA

immagine 2: flickr by jerik0ne  licenza CC

immagine 3: flickr by Dott. Hydruntum licenza CC BY-ND

One Comment to Porto Badisco

  1. Mauro Beccaceci scrive:

    Porto Badisco e’ un incanto, peccato per l’inciviltà di chi visitando il sito lascia rifiuti. Organizzare un servizio di pulizia con il contributo economico dei turisti non e’ possibile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018: Otranto | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress